Cerca nel blog

mercoledì 18 ottobre 2017

Efficienza energetica. Svolta radicale per i data center energivori

Svolta radicale per i data center energivori

Con l'incessante crescita degli utenti di Internet e l'aumento delle aziende che salvano dati e applicazioni nel cloud, i gestori dei grandi data center si trovano a dover affrontare una sfida cruciale: dotarsi di una fonte di energia elettrica sicura, che garantisca cioè un funzionamento continuato, e allo stesso tempo sostenibile per l'ambiente. 

Per affrontare questa sfida, una delle maggiori aziende al mondo del settore IT, Microsoft, ha sviluppato un'architettura all'avanguardia che sarà presto messa in funzione: la generazione di energia elettrica, basata sulla tecnologia a celle a combustibile di Solidpower, avverrà direttamente a livello dei server rack. 

A Seattle, Stati Uniti, a pochi chilometri di distanza dalla sede centrale di Microsoft, è in corso l'installazione di dieci generatori a celle a combustibile (anche dette fuel cell) per l'alimentazione elettrica di un gigantesco data center. 

I sistemi, basati sul micro-cogeneratore Bluegen venduto sul mercato europeo, sono installati proprio sopra al server rack, al quale forniscono direttamente l'energia prodotta. 

L'applicazione delle celle a combustibile nei data center non è una novità: sono già state utilizzate in precedenza come fonte sicura e pulita di energia. Ciò che è veramente rivoluzionario è l'approccio decentralizzato adottato da Microsoft: le applicazioni realizzate fino ad ora prevedono l'installazione dei generatori in edifici secondari o in container esterni, connessi all'utenza. 

Questo metodo comporta ulteriori spese in complicati sistemi di distribuzione dell'energia e ne riduce l'efficienza complessiva. Con la nuova architettura decentralizzata, sviluppata negli ultimi quattro anni, Microsoft evita queste spese aggiuntive, riducendo significativamente anche la complessità dell'intero sistema. 

Non servono più i motori diesel come risorse d'emergenza 
I micro-cogeneratori a celle a combustibile di Solidpower generano elettricità 24/7, alla più elevata efficienza al mondo, riducendo non soltanto i costi di energia, ma anche le emissioni di CO2. Grazie alla struttura decentralizzata e alla disponibilità di server integrativi, i motori diesel come risorse di emergenza non sono più necessari.

Potenziale risparmio di varie centinaia di milioni di dollari 
L'impianto in fase di installazione a Seattle è il primo del suo genere e segna un cambio radicale nella fornitura di energia elettrica dei data center. "Presto questa tecnologia verrà utilizzata su larga scala. A quel punto, utilizzeremo dei sistemi progettati esattamente per questo tipo di applicazione, comunque basati sull'affidabilità e sull'efficienza del nostro Bluegen", spiega Alberto Ravagni, CEO di Solidpower. I data center moderni registrano consumi energetici paragonabili a quelli di città di medie dimensioni: puntando su questa innovativa tecnologia, Microsoft potrebbe ottenere un risparmio economico considerevole rispetto alle soluzioni tradizionali attualmente in uso. Concretamente, si tratterebbe di varie centinaia di milioni di dollari risparmiati ogni anno. Per Solidpower, la collaborazione con Microsoft apre un nuovo mercato, considerando che finora l'applicazione della tecnologia delle celle a combustibile si è limitata principalmente a edifici commerciali e residenziali. Così Solidpower si affaccia a un mercato multimiliardario – quello dei data center. 

SOLIDpower S.p.A.
Via Trento 115/117 c/o BIC
38017 Mezzolombardo 
Italia

Solidpower:
Grazie ad eccellenti competenze e costante forza innovativa, il Gruppo Solidpower è tra i leader mondiali nella tecnologia delle celle a combustibile ad ossidi solidi (SOFC). 

Influente innovatore del settore e leader sul mercato europeo, l'azienda conta oltre 850 micro-cogeneratori installati in Europa per la produzione di energia elettrica e termica. 

Nelle sue sedi in Italia, Germania, Svizzera e Australia e con un totale di 200 dipendenti, Solidpower investe costantemente nell'innovazione tecnologica per affacciarsi anche ai mercati degli Stati Uniti e dell'Asia. 

--
www.CorrieredelWeb.it

PANASONIC SOLAR: il team dell'università giapponese di Tokai sfiora il podio nella World Solar Challenge, la competizione riservata alle vetture a energia solare.

PANASONIC SOLAR E LA SFIDA DELLE MACCHINE A ENERGIA SOLARE 
Per il settimo anno consecutivo Panasonic Solar ha supportato il team dell'Università di Tokai nell'avvincente sfida delle macchine a energia solare. Per questa edizione, che ha visto le vetture affrontarsi su un tracciato di 3.000 chilometri in Australia, Panasonic ha messo a disposizione della squadra giapponese le conoscenze del suo team di ricerca e sviluppo, per assicurare la miglior tecnologia nella produzione di energia da pannelli solari.
È la "2017 Bridgestone World Solar Challenge", una delle più importanti gare di auto solari al mondo, e Panasonic anche quest'anno è stata al fianco del team dell'Università di Tokai che vi ha preso parte con un proprio equipaggio.

Una singolare competizione, che si tiene dal 1987, in Australia con partenza da Darwin e arrivo ad Adelaide, attraverso un percorso di 3.000 chilometri, che ha visto la partenza l'8 ottobre e la conclusione dopo una settimana. Le squadre al via sono state ben 45 in rappresentanza di 29 nazioni, e per la prima volta da quando vi partecipa, il team dell'ateneo giapponese non è salito sul podio, chiudendo al quarto posto.

Panasonic supporta il team dell'Università di Tokai dal 2011, fornendo i componenti necessari per la vettura, in particolare i pannelli solari HIT di ultima generazione e le batterie agli ioni di litio, elementi ad alta capacità.
Image
Rispetto all'edizione dello scorso anno, il team nipponico ha rivisto il dimensionamento dell'area di installazione del modulo solare, che è passato da sei a quattro metri quadrati. Questo ha portato un grande cambiamento nel design della minivettura, modificando a sua volta il profilo aerodinamico per la massima riduzione della resistenza al vento.

Per garantire elevate prestazioni di questo nuovo pannello HIT dall'area ridotta, Panasonic ha messo a disposizione dell'Università di Tokai le conoscenze e l'esperienza del suo team di ricerca e sviluppo. Grazie all'utilizzo della tecnologia Back Contact, che monta tutti gli elettrodi sul lato posteriore delle celle solari, si è raggiunto il 24,1% di efficienza generatrice di energia delle celle per produzione di 962 watt: si è così aumentata l'efficienza generatrice di potenza delle celle dello 0,9% rispetto al modello del 2015.

Il modulo solare Panasonic HIT utilizza inoltre la particolare tecnologia di eterogiunzione: le celle solari in concreto combinano un substrato di silicio cristallino con una pellicola sottile di silicio amorfo. Rispetto ai moduli di silicio cristallini ordinari, c'è una diminuzione della potenza in uscita a temperature elevate, in questo modo si riduce la perdita di elettroni sulla superficie del pannello. Questo permette ai moduli HIT di posizionarsi tra i prodotti più efficienti per produzione di energia per area di unità, oltre a rivelarsi la scelta ideale per le condizioni della gara in Australia, dove i pannelli raggiungono temperature elevate a causa della forte luce del sole.

Le batterie agli ioni di litio di Panasonic utilizzano un particolare materiale catodico di nichel per ottenere il massimo livello di densità energetica del settore, in una dimensione cilindrica di 18650 (diametro 18 mm, altezza 65 mm). Ciò consente di utilizzare l'energia prodotta dal modulo solare HIT per ricaricare le batterie agli ioni di litio e permettere alla vettura di percorrere distanze più lunghe nei giorni nuvolosi con meno luce solare.

Combinando il modulo solare HIT, che vanta il massimo livello di efficienza di conversione al mondo nella grande produzione di celle solari, con batterie agli ioni di litio ad alta capacità, Panasonic offre una soluzione che unisce la produzione con l'importanza dell'accumulo di energia per supportare il Tokai University Solar Team nella sfida di auto solare in tali condizioni ambientali estenuanti.

Risultati dell'Università di Tokai nelle precedenti edizioni della gara
• 2011 World Solar Challenge (Australia Race) Primo posto
• 2012 Sasol Solar Challenge South Africa (South Africa Race) Primo posto
• 2013 World Solar Challenge (Australia Race) Secondo posto
• 2014 Carrera Solar Atacama (Chile Race) Primo posto
• 2015 World Solar Challenge (Australia Race) Terzo posto
• 2016 Sasol Solar Challenge (South Africa Race) Secondo posto
• 2017 Bridgestone World Solar Challenge (Australia Race) Quarto posto
Informazioni su Panasonic
Panasonic Corporation è leader mondiale nello sviluppo di tecnologie e soluzioni elettroniche per i clienti nei settori dell'elettronica di consumo, residenziale, dell'automotive, delle imprese B2B. Celebrando il suo 100 ° anniversario nel 2018, l'azienda si è ampliata a livello globale e conta oggi 495 filiali e 91 consociate in tutto il mondo, registrando un fatturato netto di 61,711 miliardi di euro per l'anno fiscale conclusosi il 31 marzo 2017. 

Impegnata costantemente in innovazione e miglioramento dei propri standard, l'azienda utilizza le proprie tecnologie per migliorare lo stile di vita e rendere il mondo un posto migliore per i propri clienti.



www.CorrieredelWeb.it

Energia: I-Com, “In Italia aziende pronte per la rivoluzione digitale ma i consumatori non ne approfittano”


·         Presentato oggi, a Bruxelles, il rapporto I-Com sugli sviluppi dell'energia digitale in Europa
·         L'Italia si piazza 4a in Europa, prima tra i grandi Paesi UE, per grado di preparazione digitale delle imprese energetiche ma ancora tra gli ultimi per uso di Internet da parte dei cittadini

Bruxelles, 18 ottobre 2017 – L'Italia è tra i Paesi europei in cui le aziende mostrano una maggiore predisposizione all'utilizzo di tecnologie digitali, insieme a Finlandia, Svezia e Slovenia, ma il livello di competenze informatiche dei cittadini italiani rimane ancora molto basso se paragonato a quello di altri cittadini europei e non consente di sfruttare appieno la rivoluzione digitale in atto. È quanto emerge dal Report dell'Istituto per la Competitività, I-Com, "Energia digitale. Infrastrutture, tecnologie abilitanti e ruolo del consumatore", che verrà presentato oggi all'Europarlamento a Bruxelles, alla presenza di diversi rappresentanti della Commissione Ue e di altri stakeholder europei.

Lo studio, curato dal presidente di I-Com, Stefano da Empoli, e da Franco D'Amore, vicepresidente e direttore Area Energia del think tank europeo, parte da un'analisi degli investimenti in energia digitale, destinati ad aumentare in tutta Europa, per poi focalizzarsi sull'uso delle nuove tecnologie da parte di aziende e consumatori.

Per dare un'idea dei progressi realizzati dal settore energetico nel processo di digitalizzazione, I-Com ha sviluppato un indice basato sul grado di sviluppo di cinque variabili all'interno delle aziende energetiche: l'analisi dei big data; l'utilizzo di servizi di cloud computing; la gestione automatizzata dell'invio delle fatture; l'uso di sistemi di CRM (Customer Relationship Management); la definizione di una chiara politica di sicurezza informatica.

Secondo l'indice I-Com, in testa alla classifica europea ci sono le imprese energetiche finlandesi (alle quali va un punteggio di 100, in quanto prime classificate), seguite da Slovenia e Svezia a pari merito (con un punteggio di 81). 

L'Italia è fuori dal podio ma con un quarto posto (corrispondente a un punteggio di 72) è il primo tra i grandi Stati Membri della UE, precedendo Spagna (7a con 57), Germania (8a con 53) e Francia (9a con 51).

L'energia è l'unico settore nel quale le imprese italiane analizzano big data più della media europea (19% contro il 16% laddove la media di tutte le aziende a livello italiano si ferma al 9% contro una media UE del 10%). 

Dall'analisi emerge che  il 58% delle Utility europee che analizza big data utilizza come fonte delle informazioni i sensori e i dispositivi smart. 
Percentuale che in Italia arriva addirittura al 79%. 

Un segnale importante che testimonia come l'Internet delle cose (IoT) sia sempre più una componente fondamentale nella strategia di crescita aziendale, diventando un punto di forza per le imprese che vogliono restare sul mercato.

Se da un lato l'Italia si dimostra virtuosa per l'alto grado di competenze tecnologiche in ambito aziendale nel settore energetico, dall'altro il Paese è ancora indietro rispetto al resto d'Europa per lo scarso livello informatico dei propri cittadini. 

 L'Italia, su questo, è agli ultimi posti della classifica europea. In cima si trovano i Paesi del Nord Europa, in particolare il Lussemburgo e la Danimarca dove – ad esempio - la percentuale degli individui che non utilizza Internet è solo del 2%, a fronte di un dato per l'Italia del 25% (14% a livello Ue). In generale non esistono grandi differenze tra l'accesso maschile e quello femminile.

Lo studio mette in luce, poi, una delle principali preoccupazioni alla base dello sviluppo della digitalizzazione del settore energetico, ovvero quella relativa alla sicurezza informatica. 

Secondo i dati elaborati da I-Com, solo il 40% delle utility europee ha definito una strategia aziendale per la cybersecurity, a fronte di una media per tutti i settori del 32% e un valore per il settore ICT del 62%. 

Dopo Svezia e Finlandia, nelle quali rispettivamente ben il 68% e il 53% delle utility si è dotata di una policy di sicurezza informatica, in Italia questa percentuale arriva quasi alla metà, con il 47%, sopra Germania (44%), Spagna (43%), Francia (41%) e Regno Unito (39%). Dallo studio I-Com emerge come la crescente interconnessione tra reti elettriche e informatiche necessiti di un quadro normativo comune a livello europeo.

"Sarebbe utile creare un gruppo di lavoro specifico nell'ambito dell'Agenzia europea per la sicurezza delle reti e dell'informazione (Enisa) dedicato esclusivamente all'energia digitale", ha affermato Stefano da Empoli, presidente di I-Com. "Alla luce della massiccia diffusione prevista dei dispositivi IoT legati al mondo energetico, è fondamentale salvaguardare i consumatori attraverso una certificazione europea che garantisca elevati standard di sicurezza. Questo, infatti, potrebbe portare a lungo termine enormi vantaggi alle imprese UE rendendole più competitive sul mercato. I consumatori, in questa partita, giocano un ruolo chiave e solo aumentando la loro consapevolezza informatica si potrà trarre il massimo vantaggio dal processo di digitalizzazione in atto".

"La rivoluzione digitale impone senza dubbio anche un diverso approccio decisionale e politico, per questo è necessario che la Commissione europea proponga politiche e misure normative che incoraggino gli investimenti digitali, ponendosi così alla guida del cambiamento", ha sottolineato Franco D'Amore, vicepresidente e direttore Area Energia di I-Com. 

"Siamo convinti che l'Europa possa svolgere un ruolo centrale nel supportare l'innovazione delle imprese e la qualificazione professionale della forza lavoro. La creazione di un mercato unico europeo dell'energia digitale potrebbe generare una forte domanda di soluzioni tecnologicamente avanzate e consentire una crescita sostenibile di una offerta di prodotti e servizi 'Made in Ue' altamente competitivi".


--
www.CorrieredelWeb.it

martedì 17 ottobre 2017

Smart Mobility World 2017: Viasat annuncia partnership con BePooler

LA SCELTA GREEN DI VIASAT CHE SCEGLIE BEPOOLER:
AL VIA LA SPERIMENTAZIONE PER IL CARPOOLING AZIENDALE

In occasione dello Smart Mobility World 2017 di Lingotto Fiere a Torino (10-11 ottobre 2017), l'annuncio della partnership. 

Viasat diventa sempre più green e sceglie BePooler – società leader di mercato – come partner con cui fare una sperimentazione di carpooling aziendale che vedrà coinvolti, al momento, quasi la metà dei lavoratori della sede di Venaria Reale (TO).

Il carpooling, straordinaria soluzione per il pendolarismo, è una leva fenomenale per la riduzione del traffico motorizzato tanto da essere uno tra i principali ambiti di intervento della mobilità sostenibile anche per aziende e lavoratori. 

Secondo un’indagine di Bain & Company, in Italia, 3 persone su 4 che stanno al volante del car sharing sono lavoratori e chiedono, come alternativa al trasporto pubblico locale, un passaggio ai veicoli dei principali provider della mobilità condivisa per arrivare al lavoro. 

Gli utenti, quindi, sono già in pista, pronti ad accogliere la rivoluzione del trasporto sostenibile e la partnership tra Viasat e BePooler raccoglie questa esigenza, permettendo ai lavoratori di Viasat di dare o ricevere un passaggio in auto sul percorso casa-lavoro, effettuato con chi ha orari simili.

Dopo aver scaricato l’app BePooler ed effettuata la registrazione, l’interessato al servizio scoprirà chi fa il suo stesso percorso casa-lavoro. Potrà così scegliere di essere Driver, e quindi viaggiare con la propria auto, o Rider (passeggero), quindi beneficiare di un passaggio da parte di un collega. A seconda della modalità scelta, poi, si potrà ottenere benefici diversi da Viasat.

“Il Driver – è quanto dichiara Domenico Petrone, Presidente di Viasat Group – potrà ricevere rimborsi kilometrici dai passeggeri e/o buoni carburante, nonché posti auto riservati, mentre il Passeggero potrà evitare di utilizzare l’auto, risparmiando quindi sui relativi costi di gestione e potrà godersi un viaggio più confortevole evitando di utilizzare i mezzi pubblici”.

Non solo. BePooler, per aumentare la sicurezza per gli utenti, promuoverà insieme a Viasat l'utilizzo di dispositivi capaci di rilevare lo stile di guida, consentendo così al passeggero di conoscere se il Driver è un guidatore affidabile.

“Siamo convinti – spiega il Presidente Domenico Petrone – che l’azienda possa diventare leader in efficienza per i costi di trasporto, footprint ambientale, sicurezza e innovazione, in linea con le politiche di responsabilità sociale d’impresa, e che il carpooling aziendale possa essere un’alternativa di trasporto sicura, innovativa ed ecologicamente sostenibile per il personale dipendente, nonché economicamente favorevole. Viaggiando da soli, infatti, il costo annuale per percorrere 30 km ogni giorno sul tragitto casa-lavoro è di circa 1.600 euro, mentre in carpooling la spesa scende a 400 euro. Il risparmio medio è dunque di circa 1.200 euro l’anno”.

Il carpooling che diventa welfare, incomincia a premiare dipendenti e aziende.

“E’ un privilegio per BePooler – aggiunge infine il Presidente di BePooler Antonio TURRONI - avere un partner tecnologico affidabile e attento all’innovazione come VIASAT. Situazione che consente di esprimere sempre e tempestivamente il meglio che il mercato e la user experience degli utenti si aspettano da una piattaforma che fa delle risposte agli stessi un motivo di vanto”.

lunedì 16 ottobre 2017

A Sanpellegrino il premio “vendor rating e acquisti sostenibili 2017” nella categoria grandi imprese

Premiata come azienda con la miglior catena di fornitura sostenibile

Milano, 16 ottobre 2017 – Riflettori puntati su Sanpellegrino che è aggiudicata il premio Vendor rating e acquisti sostenibili 2017”, nella categoria grandi imprese. 
Il gruppo, leader nel settore delle acque minerali e delle bibite non alcoliche, ha ottenuto il prestigioso riconoscimento assegnato dalla Fondazione Ecosistemi alle imprese che si sono contraddistinte per aver adottato in modo sistematico criteri di sostenibilità nei propri processi di acquisto e nella qualifica dei propri fornitori presenti sul territorio nazionale e internazionale.
Il progetto presentato da Sanpellegrino è stato premiato per la capacità dell’azienda di “sistematizzare l’impegno a migliorare i propri impatti ambientali e sociali attraverso la catena di fornitura”. 
Il Comitato tecnico-scientifico del premio ne ha apprezzato il sistema di vendor rating molto codificato e certificato esternamente, unito alla scelta di sottoporre i fornitori al questionario di Ecovadis. 
E’ stata valutata positivamente anche l’attenzione posta sugli acquisti che più impattano sul prodotto, come il PET, le materie prime agricole e la logistica.
Il Gruppo Sanpellegrino ha implementato in maniera completa un sistema di gestione della catena di fornitura sostenibile e certificato dal punto di vista ambientale e sociale che parte dalle materie prime, come gli agrumi utilizzati per le bibite, e culmina con progetti innovativi di logistica green
L’azienda chiede, infatti, ai propri ai fornitori di aderire a una serie di pratiche responsabili dal punto di vista ambientale e sociale, valutandoli sulla base dei criteri che assicurano la creazione di valore condiviso.
Sono stati apprezzati dalla Giuria i progetti innovativi sviluppati da Sanpellegrino per favorire un sistema di logistica sostenibile, non solo attraverso un utilizzo massiccio di mezzi “verdi” come il treno, ma anche con l’impiego mezzi alimentati a LNG (gas naturale liquefatto), il combustibile fossile più green presente oggi sul mercato e la terza fonte di energia a livello globale, capace di abbattere le emissioni di CO2 e al contempo contrastare l’inquinamento locale.
Siamo estremamente orgogliosi di aver ricevuto questo riconoscimento che testimonia il valore del meticoloso lavoro svolto da anni dal nostro Gruppo nella selezioni della fornitori e nella gestione della Supply Chain. - ha dichiarato Maura Sartore, Supply Chain Director del Gruppo Sanpellegrino – E’ stata premiata la nostra politica orientata alla salvaguardia dell’ambiente basata su una logistica sostenibile con fonti più vicine ai consumatori, l’utilizzo di mezzi su rotaia, l’ottimizzazione dei carichi e la scelta di operatori con mezzi alimentati da carburanti all’avanguardia come il GNL, antesignano rispetto alle linee guida internazionali. 
Sottolineo sempre come questi progetti siano un vero e proprio volano per la crescita dell’impresa, capaci di generare benefici per l’ambiente e per la nostra efficienza. E’ l’anima del nostro valore condiviso”.
“Questo premio – ha dichiarato Stefano MariniDirettore della Business Unit Italia del Gruppo Sanpellegrino – è una nuova conferma della validità del percorso che abbiamo intrapreso e ci incoraggia a proseguire nella direzione di una creazione di valore che si genera in partnership con i nostri fornitori e i nostri clienti. 
La sostenibilità nei processi di acquisto e nella qualifica dei nostri fornitori è un altro tassello della qualità totale e orientata al futuro che vogliamo offrire ai nostri clienti e far apprezzare ai nostri consumatori”.
Il sistema di vendor rating di Sanpellegrino, certificato da SEDEX (Supplier Ethical Data Exchange) richiede, infatti, a tutti i fornitori di aderire a un sistema di valutazione delle performance non solo ambientali, ma anche relative a standard di lavoro, salute e sicurezza, trasparenza ed etica del business. 
Tutte le informazioni sul viaggio di Sanpellegrino per la creazione di valore condiviso si possono trovare nel Rapporto sulla Creazione di Valore Condiviso disponibile sul sito www.sanpellegrino-corporate.com

SANPELLEGRINO
Sanpellegrino è l’azienda di riferimento nel campo del beverage in Italia, con acque minerali, aperitivi analcolici, bibite e tè freddi. I suoi prodotti, sintesi di benessere, salute ed equilibrio, sono presenti in oltre 150 Paesi attraverso filiali e distributori sparsi nei cinque continenti.
Sanpellegrino, come principale produttore di acqua minerale, è da sempre impegnata per la valorizzazione di questo bene primario per il Pianeta e lavora con responsabilità e passione per garantire a questa risorsa un futuro di qualità. 
Un impegno che passa anche attraverso la promozione dell’importanza di una corretta idratazione: Sanpellegrino infatti sostiene e diffonde i principi di benessere psico-fisico legati al corretto consumo di acqua, facendosi portavoce dell’“educazione all’idratazione” attraverso un programma che promuove il consumo quotidiano della corretta quantità di acqua, a seconda delle diverse esigenze e stili di vita.

Hera sempre più “smart”: accordo con la startup Energy Way


Risultati immagini per Hera sempre più “smart”: accordo con la startup Energy Way

L’intesa mira a favorire lo sviluppo di sistemi di ottimizzazione ed efficientamento nei settori di riferimento della multiutility, oltre al consolidamento del percorso di rafforzamento delle competenze e delle professionalità del Gruppo. 

Martedì 17 ottobre le due società protagoniste di un convegno sui Big Data a Modena.

Innovazione tecnologica, sistemi integrati, intelligenza artificiale, uso efficiente delle risorse energetiche: passa da queste componenti chiave la quarta rivoluzione industriale, o Industria 4.0, che mira a rendere smart le città. Un processo inarrestabile, nel quale le multiutility giocano un ruolo rilevante di soggetti “abilitanti” lo sviluppo. 

Per questo il Gruppo Hera ha scelto di proseguire nel percorso di rafforzamento di competenze e professionalità negli ambiti dei data analytics, attraverso la firma di un accordo di collaborazione con la startup modenese Energy Way, specializzata nello sviluppo di soluzioni e modelli matematici per l’ottimizzazione e l’efficientamento dei processi industriali, forte anche dell’esperienza di collaborazioni con colossi del calibro di Google e IBM.

Gli ambiti di intervento compresi nell’accordo riguardano le attività di Big Data, modelli Machine learning e intelligenza artificiale che saranno applicati ai diversi settori in cui opera Hera (acqua, ambiente, energia, gas e teleriscaldamento). 

L’obiettivo della cooperazione consiste nel favorire e promuovere lo scambio di esperienze, lo sviluppo di iniziative formative, la realizzazione di progetti e il processo di crescita reciproco, attivando strumenti di consultazione, studio, programmazione e di possibile certificazione di brevetti.

Energy Way collabora già da tempo con la multiutility bolognese su progetti specifici che, in questi mesi, hanno permesso di mettere a punto un modello volto a migliorare ulteriormente i processi di efficienza energetica nell’impianto di termovalorizzazione di Ferrara, oltre a studiare sistemi innovativi per l’area trading con riferimento al mercato elettrico.

“L'innovazione è un asse portante della strategia di sviluppo del Gruppo Hera ed è fondamentale per poter eccellere” è il commento del Direttore Centrale Innovazione di Hera, Salvatore Molé. “La rivoluzione digitale richiede competenze sempre più specialistiche, da coltivare sia attraverso la formazione continua, sia con l’individuazione di partner d’eccellenza. Da questo punto di vista le startup sono un fenomenale acceleratore del processo di crescita e siamo molto felici di poter rafforzare e consolidare la collaborazione con Energy Way, società all’avanguardia nello sviluppo di algoritmi innovativi per l’ottimizzazione dei nostri processi industriali”.

“Siamo onorati di poter lavorare per una società come Hera che, oltre ad essere leader nei mercati di riferimento, si pone come modello per l’economia circolare e per le metodologie di ottimizzazione dei processi” spiega Fabio Ferrari, Amministratore Delegato di Energy Way. “Il Gruppo Hera è come noi convinto che la vera rivoluzione non è più nelle macchine che elaborano i dati, ma nei dati stessi e soprattutto nella capacità di analizzarli e usarli per attuare un cambiamento”.


Di Big Data e rivoluzione dei processi industriali si parlerà martedì 17 ottobre, a partire dalle 17, all'Auditorium "G. Fini" di Modena, nell'ambito di un evento organizzato da Energy Way in collaborazione con Confindustria Emilia, al quale prenderà parte anche l’Amministratore Delegato del Gruppo Hera, Stefano Venier, per presentare una case history della società.

domenica 15 ottobre 2017

FOTOVOLTAICO: CONVERT SBARCA IN ARGENTINA CON UNA NUOVA SEDE

Convert, azienda italiana attiva da 35 anni nel settore energetico e fra i primi 4 produttori mondiali (fonte GTM Research e IHS Markit) di tracker (inseguitori monoassiali), ha aperto una nuova sede a Buenos Aires. 

L'annuncio è stato dato alla presenza del Ministro dell'energia argentino Juan Josè Aranguren nella prima giornata dell'AIREC, congresso internazionale sulle energie rinnovabili che si tiene nella capitale argentina sino al 5 ottobre e di cui Convert è sponsor. 

L'azienda fornirà agli impianti fotovoltaici di prossima costruzione in Argentina i tracker TRJ, gli inseguitori monoassiali brevettati dalla società che movimentano i pannelli fotovoltaici in base alla posizione del sole per un rendimento superiore del 25% rispetto ai pannelli fissi.

"La decisione di aprire una sede a Buenos Aires – commenta Giuseppe Moro, fondatore e presidente di Convertnasce dall'esigenza di creare solide relazioni con gli operatori locali e di sfruttare in modo tempestivo le opportunità di investimento e crescita che si creeranno con lo sviluppo del fotovoltaico in Argentina. Il settore è in forte fermento, grazie anche al piano di investimenti per oltre 5 miliardi che il governo ha destinato al settore delle rinnovabili. Abbiamo quindi già iniziato il processo di certificazione del TRJ come prodotto argentino, che utilizzerà  componentistica locale ma continuerà a servirsi del valore tecnologico e del know-how made in Italy".

L'Argentina ha in programma di avviare entro l'anno prossimo la produzione di energia elettrica per 2 GW da fonti rinnovabili, di cui 500 MW da fotovoltaico. 
L'obiettivo finale è che nel 2025 il 20% dell'energia prodotta nel Paese provenga da fonti rinnovabili.

Convert è presente anche in Brasile con la società Convert do Brazil, che nel 2016 ha fornito i suoi tracker nell'impianto di Ituverava (stato di Bahia), il più grande al mondo realizzato con la tecnologia a inseguimento, per un'estensione di 630 ettari e 260 MW di capacità produttiva. 

Quest'anno l'azienda guidata da Giuseppe Moro ha sottoscritto, sempre in Brasile, un accordo per la fornitura di 220 megawatt (per un valore di circa 35 milioni di dollari) di tracker TRJ negli impianti di Sao Pedro (Rio Grande) e Juazeiro (Bahia) in Brasile.

Nel 2015, sempre in America Latina, Convert ha fornito 97 MW di tracker nell'impianto di Carrera Pinto (deserto Atacama), uno dei più grandi parchi fotovoltaici del Cile con la tecnologia a inseguimento monassiale.

Convert ha chiuso il 2016 con ricavi di circa 42 milioni di euro (+300% sul 2015) e un margine operativo lordo (MOL) di 8 milioni di euro. 
Grazie alle commesse già contrattualizzate, i ricavi della società dovrebbero crescere del 10% circa nel 2017 e del 20% nel 2018.


--
www.CorrieredelWeb.it
Google
 


Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI